PROVVIGIONI DI COMPETENZA DELL'ESERCIZIO

LE SCRITTURE CONTABILI DELLA CASA MANDANTE E DELL'AGENTE

Aggiornato al 02.12.2016

Può accadere che, al termine dell’esercizio, vi siano delle provvigioni di competenza dell’esercizio stesso che non sono ancora state fatturate dall’agente. In questi casi è necessario procedere, alla fine dell’esercizio, ad una loro rilevazione in base al criterio di competenza.


Esempio: l’importo delle provvigioni di competenza del periodo e non ancora fatturate dall’agente ammonta a 3.000 euro.


La casa mandante, registrerà al 31/12 la seguente scrittura

Data Conto Importo Dare Importo Avere
31/12/.. PROVVIGIONI PASSIVE 3.000  
31/12/.. FATTURE DA RICEVERE   3.000


L’agente, invece, registrerà al 31/12:

Data Conto Importo Dare Importo Avere
31/12/.. FATTURE DA EMETTERE 3.000  
31/12/.. PROVVIGIONI ATTIVE   3.000

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:
 


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net