FURTO DELLE FATTURE DI ACQUISTO

E' POSSIBILE DETRARRE L'IVA SE LA FATTURA DI ACQUISTO E' STATA RUBATA?

Aggiornato al 07.06.2010

Può accadere che l’impresa subisca il furto di alcune fatture di acquisto: ad esempio venga rubata ala ventiquattro ore nella quale erano contenuti tali documenti.

Vediamo come occorre comportarsi in questi casi.

La prima regola è denunciare il furto. Tuttavia la denuncia del furto delle fatture non giustifica la detrazione dell’IVA. E’ questo il parere espresso più volte dalla Corte di Cassazione (si vedano, ad esempio le sentenze n.13605/2003 e 9610/2008 ).

La perdita dei documenti contabili, per una causa non imputabile al contribuente, non garantisce la veridicità di quanto denunciato dallo stesso ai competenti organi di polizia, né può spostare l’onere della prova dell’esistenza di un’operazione di acquisto ai fini IVA, a carico dell’Amministrazione finanziaria.

La presenza di una denuncia di furto non garantisce, dunque, circa l’esistenza del documento, né tanto meno sul suo contenuto.

Di conseguenza il contribuente deve acquisire presso i fornitori copia delle fatture al fine di dimostrare la legittimità e la correttezza della detrazione IVA operata.

Laddove ciò non dovesse essere possibile è ammessa la prova per testimoni.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net