www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 
   

 

 

Gli altri approfondimenti:


I nostri ebook

Approfondimenti

 
   
  Venditori porta a porta e INPS - assoggettamento a contributi INPS dei venditori porta a porta

 

 

 
 
 

Approfondimento del 13.12.2011

 

 

I venditori a domicilio sono tenuti all’iscrizione alla Gestione separata INPS nel caso in cui il reddito derivante da tale attività superi i 5.000 euro.

 

Tale reddito deve essere determinato tenendo conto della deduzione forfettaria del 22% delle spese di produzione del reddito.

 

Quindi, l’obbligo di iscrizione non sussiste nel caso di redditi lordi inferiori a 6.410, infatti

 

6.410,25 x 22% = 1.410,25

6.410,25 – 1.410,25 = 5.000.

 

 

Tale reddito rappresenta una fascia di esenzione: quindi in caso di redditi superiori a tale limite i contributi sono dovuti solamente sulla parte che eccede il limite stesso.

 

Esempio:

reddito lordo 8.000

deduzione forfettaria spese: 8.000 x 22% = 1.760

reddito netto: 8.000 – 1.760 = 6.240

imponibile previdenziale: 6.240 – 5.000 = 1.240. 

 

 

Nel caso in cui il venditore a domicilio abbia rapporti con più imprese mandanti, il limite di 5.000 euro si applica ai redditi annui derivanti da tali rapporti complessivamente considerati.

 

La misura dei contributi dovuti, per l’anno 2011, è pari al 26,72% del reddito.

 

Per i lavoratori:

  • iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria e non pensionati;

  • titolari di pensione diretta;

  • titolari di pensione di reversibilità;

la misura del contributo è del 17% del reddito.

 

Il contributo è dovuto entro un massimale, che per l’anno, 2011, è stato fissato a 93.622 euro.

 

I contributi sono per 1/3 a carico del venditore porta a porta e per 2/3 a carico dell’impresa mandante.

 

Esempio:

imponibile previdenziale: 1.240

aliquota applicabile: 26,72%

contributi dovuti: 331,33

contributi a carico del venditore 1/3: 1/3 x 331,33 = 110,44

contributi a carico dell'impresa committente 2/3: 2/3 x 331,33 = 220,89.

 

 

Gli incaricati alle vendite a domicilio non sono soggetti, in nessun caso, all’assicurazione INAIL a prescindere dal livello del reddito conseguito.

 

 

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Gestione separata INPS

Gestione separata INPS - aliquote 2011

Incaricati alle vendite

Venditori porta a porta - regime fiscale

Venditori a domicilio - certificazione dei redditi

Incaricati alle vendite e IVA

Venditori porta a porta - calcolo delle somme dovute

Venditori porta a porta - adempimenti


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681