www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 

 
   

 

Gli altri approfondimenti:


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
  Indennità di cessazione del rapporto di agenzia - in cosa consiste

 

 

 
 
 

Approfondimento del 04.09.2009

 

All’agente o al rappresentante, al momento della risoluzione del mandato, spetta una indennità di fine rapporto.

 

Tale indennità è disciplinata all’art.1751 del Codice civile.

 

 

QUANDO SPETTA L’INDENNITA’ DI FINE RAPPORTO

L’articolo in questione, prevede che “all’atto della cessazione del rapporto il preponente è tenuto a corrispondere all’agente un’indennità se ricorra almeno una delle seguenti condizioni:

  • l’agente abbia procurato nuovi clienti al preponente o abbia sensibilmente sviluppato gli affari con i clienti esistenti e il prepronente riceva ancora sostanziali vantaggi derivanti dagli affari con tali clienti;

  • il pagamento di tale indennità sia equo, tenuto conto di tutte le circostante del caso, in particolare delle provvigioni che l’agente perde e che risultano dagli affari con tali clienti.”

 

L’indennità in questione deve essere corrisposta anche in caso di scioglimento del contratto a termine che sia stato rinnovato o prorogato.

 

 

QUANDO NON SPETTA L’INDENNITA’ DI FINE RAPPORTO

Lo stesso articolo 1751 del Codice civile stabilisce alcune ipotesi nelle quali l’indennità non deve essere corrisposta all’agente.

“L’indennità non è dovuta:

  • quando il preponente risolve il contratto per un’inadempienza imputabile all’agente, la quale, per la sua gravità, non consenta la prosecuzione anche provvisoria del rapporto;

  • quando l’agente recede dal contratto, a meno che il recesso sia giustificato da circostante attribuibili all’agente, quali l’età, infermità o malattia, per le quali non può più essergli ragionevolmente chiesta la prosecuzione dell’attività;

  • quando, ai sensi dell’accordo con il proponente, l’agente cede ad un terzo i diritti e gli obblighi che ha in virtù del contratto d’agenzia.

 

 

MISURA DELL’INDENNITA’ DI FINE RAPPORTO

L’articolo 1751 del Codice civile prevede che “l’importo dell’indennità non può superare una cifra equivalente ad un’indennità annuale calcolata sulla base della media annuale delle retribuzioni riscosse dall’agente negli ultimi cinque anni e, se il contratto risale a meno di cinque anni, sulla media del periodo in questione”.

 

Come si può notare la disposizione si limita a fissare l’importo massimo dell’indennità.

 

 

ALTRE DISPOSIZIONI

L’articolo in esame prevede, inoltre, che “la concessione dell’indennità non priva comunque l’agente del diritto all’eventuale risarcimento dei danni. L’agente decade dal diritto all’indennità…se, nel termine di un anno dallo scioglimento del rapporto, omette di comunicare al preponente l’intenzione di far valere i propri diritti”.

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Deducibilità dell'indennità suppletiva di clientela

Indennità cessazione rapporto di agenzia - AEC

Deducibilità indennità cessazione rapporto di agenzia

Indennità di clientela - il parere dei giudici

Indennità suppletiva di clientela - scritture contabili


 

 

 

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681