CERTIFICATI DI DEPOSITO

SCRITTURE RELATIVE ALL'ACQUISTO

Aggiornato al 14.03.2009

I certificati di deposito sono strumenti finanziari emessi dagli Istituti di credito: essi possono avere tagli variabili e scadenza sia a breve che a lungo termine.

Gli interessi maturati sui certificati di deposito vengono corrisposti solamente alla scadenza del titolo.

Vediamo attraverso un esempio, quali scritture occorre redigere in caso di acquisto di certificati di deposito.

I dati dai quali partiamo sono i seguenti:

  • valore nominale dei titoli: 100.000 euro;
  • commissione bancaria: 0,50% del valore nominale.

Ecco la scrittura da redigere:


Scrittura di acquisto di certificati di deposito

La commissioni bancaria è stata così determinata:


Calcolo commissione bancaria

I certificati di deposito andranno indicati nello Stato patrimoniale, tra le immobilizzazioni finanziarie o nell’attivo circolante, a seconda che l’investimento sia destinato a rimanere durevolmente nell’impresa o sia destinato a tornare in forma liquida nel breve periodo, tenendo conto anche della scadenza del titolo.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:
I nostri ebook


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net