TERRENO SUL QUALE E' COSTRUITO UN FABBRICATO

LE REGOLE CONTABILI PER IL CALCOLO DELLE QUOTE DI AMMORTAMENTO

Aggiornato al 05.09.2016

Lo IAS 16 prevede per le immobilizzazioni materiali un approccio denominato per componenti ( component approach). Tale approccio va applicato nel caso di immobilizzazioni materiali composte da più elementi. Se tali elementi hanno un costo significativo rispetto al bene cui si riferiscono, essi devono essere ammortizzati separatamente. Così può accadere che un componente può avere una vita utile più breve rispetto al bene principale cui si riferisce: in questo caso esso andrà ammortizzato tenendo conto della sua vita utile e non in base alla vita utile del bene cui si riferisce.

Questa regola trova applicazione nel caso dei terreni sui quali sono costruiti dei fabbricati. Per i principi contabili internazionali il terreno e il fabbricato che insite su di esso, devono essere contabilizzati separatamente anche se sono stati acquistati insieme e ciò perché il terreno ha una vita utile illimitata, e dunque non va ammortizzato, mentre il fabbricato è soggetto ad ammortamento. L’indicazione separata del valore del terreno rispetto a quello del relativo fabbricato riguarda solamente i casi di fabbricati "cielo terra", cioè nei casi in cui l’impresa è proprietaria dell’intero fabbricato, ivi compreso il terreno. La regola chiaramente non si applica nelle ipotesi in cui l’impresa è proprietaria solamente di una porzione del fabbricato, dato che in questo caso essa non è titolare anche del terreno sottostante.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net