BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA E AMMORTAMENTI

COME VANNO ESPOSTE LE IMMOBILIZZAZIONI E GLI AMMORTAMENTI NEL BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA

Aggiornato al 14.12.2015

Il bilancio in forma abbreviata (Art.2425-bis) consiste in uno Stato patrimoniale semplificato, un Conto economico semplificato e una Nota integrativa che riporta solamente alcune delle indicazioni previste per il bilancio redatto in forma ordinaria.

Nel bilancio in forma abbreviata lo Stato patrimoniale comprende solo le voci contrassegnate nell’articolo 2424 con lettere maiuscole e con numeri romani. Quindi le immobilizzazioni materiali ed immateriali sono esposte per il loro ammortare complessivo senza una suddivisione nelle varie categorie di beni che li compongono (costi di impianto e di ampliamento; costi di sviluppo; diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell’ingegno; terreni e fabbricati; impianti e macchinario; ecc..).

Gli ammortamenti e le svalutazioni operate, prima dell’introduzione del D.Lgs.139/2015, dovevano essere detratti dal costo storico delle immobilizzazioni in forma esplicita. Di conseguenza nello Stato patrimoniale andava indicato:

  • per le immobilizzazioni materiali, il loro costo storico e l’entità dei fondi ammortamento;
  • per le immobilizzazioni immateriali, il loro valore residuo e la quota di ammortamento dell’esercizio.

Sempre in modo esplicito dovevano essere indicate eventuali svalutazioni operate.

A titolo di esempio, riportiamo come andavano esposte le immobilizzazioni nel bilancio in forma abbreviata:


Esposizione nel bilancio in forma abbreviata dell'ammortamento


Con l’introduzione del D.Lgs.139/2015, che troverà applicazione nella maggior parte delle impresa (quelle con esercizio coincidente con l’anno solare) a partire dai bilanci 2016, non è più necessario che ammortamenti e svalutazioni siano detratti in forma esplicita. Tale cambiamento è dovuto al fatto che, in precedenza, le informazioni circa ammortamenti e svalutazioni non venivano fornite in Nota integrativa, cosa che invece dovrà essere effettuata a partire dai bilanci 2016.

Quindi, tornado all’esempio precedente, il bilancio si potrebbe presentare nel modo seguente:


Esposizione nel bilancio in forma abbreviata dell'ammortamento


Nel Conto economico del bilancio in forma abbreviata possono essere raggruppati tra loro gli ammortamento delle immobilizzazioni immateriali (B.10.a), gli ammortamenti delle immobilizzazioni materiali (B.10.b) e le svalutazioni delle immobilizzazioni materiali ed immateriali (B.10.c).

A partire dai bilanci 2016, la Nota integrativa relativa al bilancio in forma abbreviata dovrà indicare i movimenti delle immobilizzazioni specificando, per ciascuna voce:

  • il costo;
  • le precedenti rivalutazioni, ammortamenti e svalutazioni;
  • le acquisizioni, gli spostamenti da una voce ad un’altra voce, le alienazioni avvenute nell’esercizio;
  • le rivalutazioni, gli ammortamenti e le svalutazioni effettuate nell’esercizio;
  • il totale delle rivalutazioni riguardanti le immobilizzazioni esistenti alla chiusura dell’esercizio.

Nella Nota integrativa, non dovrà, invece essere indicata la composizione delle voci "costi di impianto e di ampliamento" e "costi di sviluppo", né le ragioni della iscrizione ed i rispettivi criteri di ammortamento.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net