SCORPORO DEGLI INTESSI IMPLICITI

VEDIAMO, ATTRAVERSO UN ESEMPIO, COME SI PROCEDE A SCORPORARE GLI INTERESSI IMPLICITI RELATIVI AD UN CREDITO COMMERCIALE A LUNGA SCADENZA

Aggiornato al 01.10.2014
Ricordiamo che le regole di valutazione dei crediti sono cambiate a partire dal 2016. Per le nuove disposizioni si veda l’approfondimento Valutazione dei crediti.

Esempio.
Si supponga che la Alfa Srl abbia venduto al cliente Rossi, in data 1/1 dell’anno x, 100.000 € di merci. IVA 22%. La somma dovuta dal cliente Rossi sarà pagata decorsi 2 anni dal sorgere del credito.


In sede di chiusura del primo esercizio si procede all’attualizzazione del credito.

Il tasso applicato è pari al 2%.

Il periodo di attualizzazione è dato dalla durata del credito, ovvero 2 anni.

La formula da applicare per l’attualizzazione del credito è la seguente:


VA = C/(1+i) t

dove:

VA = valore attuale del credito;
C = capitale, ovvero l’importo del credito commerciale a lunga scadenza;
i = tasso di interesse = 2%;
t = tempo = 2 anni.

Applicando la formula al nostro caso avremo:


VA = 122.000/ (1+0,02) 2 =
= 122.000/ 1,02 2 =
=122.000/ 1,0404 = 117.262,59
.

Il valore trovato rappresenta il ricavo conseguito dalla vendita della merce.

La differenza tra il valore nominale del credito (122.000 €) e il suo valore attuale (117.262,59) costituisce l’ammontare degli interessi impliciti.


Interessi impliciti = 122.000,00 - 117.262,59 = 4.737,41

.

Questi sono gli interessi relativi ad entrambi gli esercizi di durata del prestito.

Per calcolare gli interessi di competenza di ciascuno dei due esercizi procediamo nel modo seguente:


I esercizio = 117.262,59 x 2% = 2.345,25

II esercizio - (117.262,59 + 2.345,25) x 2% = 2.392,16
.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net