ACQUISTO DEI VALORI BOLLATI

LE REGISTRAZIONI DA EFFETTUARE

Aggiornato al 24.04.2008

Nel momento in cui l’azienda acquista i valori bollati, essa chiederà al tabaccaio il rilascio di una ricevuta nella quale vengono indicati il numero, il tipo e il valore dei valori acquistati. Ad esempio, 10 francobolli del valore unitario di 3,50 euro per un totale di 35 euro.

Ai fini IVA, l’operazione è fuori campo IVA art. 2 DPR 633/72. Quindi sul valore dei francobolli acquistati non verrà applicata l’IVA.

L’acquisto di valori bollati viene effettuato, di norma, in contanti.

Di conseguenza, in partita doppia, si rileva in DARE l’entrata dei Valori bollati nel relativo conto e in AVERE l’uscita di cassa.

La scrittura da registrare in Partita doppia, quindi, è la seguente:


Scrittura relativa all'acquisto di valori bollati

Nel registro dei valori bollati si dovrà rilevare il carico dei francobolli nel modo seguente:


L'acquisto dei valori bollati nel registro di carico e scarico dei valori bollati

Una volta rilevato l’acquisto, che nel nostro esempio riguarda i soli francobolli, occorre riportare il totale tra le esistenze iniziali e il valore degli acquisti effettuati.


L'acquisto dei valori bollati nel registro di carico e scarico dei valori bollati

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:
I nostri ebook


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net