www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 
 
   

Gli altri approfondimenti:


Approfondimenti

 

 

 

 

E.V.A. - come va calcolato

 

 

 

 

Approfondimento del 30.07.2008

 

Vediamo, di seguito, come si può procedere al calcolo dell’E.V.A. (Eccesso di Valore Attualizzato).

 

In primo luogo occorre scegliere un tasso di attualizzazione: esso esprime il costo del capitale che grava sull’impresa che effettua l’investimento, tenuto conto delle condizioni di mercato.

 

Esempio: supponiamo che l tasso del 5% sia in grado di esprimere il costo del capitale e che, dunque, venga scelto come tasso di attualizzazione.

 

Quindi, bisogna procedere al calcolo del tasso di valore attualizzato.

A tale proposito occorre distinguere due casi diversi:

 

  • è previsto un solo esborso iniziale.

In questo caso occorre sommare algebricamente l’esborso iniziale con il valore attuale dei flussi di recupero disponibili in tempi diversi e successivi.

 

  • sono previsti più esborsi iniziali.

In questa seconda ipotesi occorre sommare algebricamente il valore attuale degli esborsi diluiti nel tempo con il valore attuale dei flussi di recupero disponibili.

 

La formula da applicare è la seguente:

 

 Formula calcolo EVA

 

dove abbiamo indicato con r il tasso di sconto, con E le varie entrate e con U le varie uscite.

 

 

Vediamo, attraverso un esempio, come si calcola l’E.V.A..

 

Supponiamo che il tasso di attualizzazione prescelto sia il 5%. Che l’esborso iniziale ammonta a 2.500 euro e che i flussi di recupero previsti nei diversi anni sono i seguenti:

 

Anno

Flusso di recupero

1.200

1.300

1.500

1.550

1.600

 

 

Ecco come va eseguito il calcolo.

 

E.V.A. = 1.200 1/(1 + 0,5) + 1.300 2/(1 + 0,5) + 1.500 3/(1 + 0,5)  + 1.550 4/(1 + 0,5) + 1.600 5/(1 + 0,5) - 2.500 - (nota 1)

 

 

E.V.A. = 1.200 x 0,666666 + 1.300 x 0,444444  + 1.500 x 0,296296 + 1.550 x 0,197530 + 1.600 x 0,131687 – 2.500

 

E.V.A. = 799,9992 + 577,7772 + 444,444 + 306,1715 + 210,6992 – 2.500

 

E.V.A. =  - 160,9089

 

Nel nostro esempio l’E.V.A. è negativo: quindi le entrate previste per il futuro non sono sufficienti a coprire l’esborso iniziale e, pertanto, l’investimento non appare fattibile.

 


(nota 1) - Si rammenta che: x elevato alla -n è uguale a n/x.

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Modello EVA


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 
 
Visualizza i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping

I nostri ebook

I nostri ebook

 

 www.EconomiAziendale.net

 
www.SchedeDiGeografia.net
 
www.StoriaFacile.net
 
www.LezioniDiMatematica.net
 
www.DirittoEconomia.net

www.LeMieScienze.net

 
Utilità
 



 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681

 

Per la pubblicità su questo sito invia una mail a Amministrazione@MarchegianiOnLine.net