www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 

 
   

 

Gli altri approfondimenti:


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
  Periodo di prova - a quali contratti è applicabile?

 

 

 
 
 

Approfondimento del 18.02.2008

 

Il periodo di prova è un periodo che precede l’instaurazione del rapporto definitivo di lavoro. Il suo scopo è quello di valutare, da parte sia del datore di lavoro che del lavoratore,  la convenienza all’instaurazione del rapporto (ad esempio: il lavoratore ha le capacità richieste per lo svolgimento del tipo di lavoro in oggetto?  Il tipo e la quantità del lavoro richiesto è confacente alle aspettative del dipendente, ecc..).

 

Il periodo di prova può riguardare tutti i contratti a tempo indeterminato, sia nel caso di tempo pieno che di part-time.

 

Esso può riguardare anche:

  • contratti di lavoro a tempo determinato;

  • contratti di lavoro relativi a lavoratori assunti obbligatoriamente;

  • contratti di lavoro per passaggio diretto;

  • contratti di formazione e lavoro.

 

Per quanto riguarda i contratti di lavoro relativi a lavoratori assunti obbligatoriamente la prova è ammissibile a condizione che riguardi le residue capacità lavorative del soggetto e mansioni comunque compatibili con gli handicap del disabile.

 

Nel caso di contratti di formazione e lavoro la prova riguarda esclusivamente l’attitudine del lavoratore ad acquisire la professionalità richiesta.

 

Nel caso in cui il lavoratore viene assunto alle dipendenze di un’azienda presso la quale aveva già prestato la propria opera in forza di un contratto di lavoro temporaneo, si possono distinguere due ipotesi:

  • al lavoratore viene chiesto lo svolgimento delle stesse mansioni previste dal contratto di lavoro temporaneo;

  • al lavoratore viene richiesto lo svolgimento di mansioni diverse rispetto a quelle già espletate in base al contratto di lavoro temporaneo.

 

Nella prima ipotesi si deve ritenere illegittima la richiesta del datore di lavoro di un periodo di prova. Chiaramente diversa, invece, è la seconda ipotesi dove si potrebbe ritenere che esso sia ammissibile (si veda a tale proposito la sentenza Cassazione del 05 maggio 2004 n.85/9).

 
   

 

 

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Periodo di prova: cosa prevede la legge


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681