CREDITI D'IMPOSTA

COME CONTABILIZZARE LE AGEVOLAZIONI RICEVUTE DALLE IMPRESE SOTTO FORMA DI CREDITI D'IMPOSTA

Aggiornato al 03.05.2019

Tra le agevolazioni che possono essere concesse alle imprese troviamo anche i crediti d’imposta.

Essi consistono nella concessione di un credito che può essere usato in compensazione di debiti fiscali e di contributi.

Le caratteristiche di tali crediti sono stabilite dalle varie leggi istitutive.


Dal punto di vista strettamente contabile, l’impresa, che benefica di un credito d’imposta dovrà effettuare due registrazioni:

  • una nel momento in cui matura il credito;
  • l’altra al momento dell’ utilizzo del credito in compensazione.

  1. NEL MOMENTO IN CUI MATURA IL CREDITO D’IMPOSTA


    Esempio: la Alfa Srl matura un credito d’imposta pari per 3.000 euro.


    Scrittura relativa alla rilevazione del credito d'imposta

    La voce Credito d’imposta è bene che specifici il tipo di credito d’imposta concesso (Numero e data della legge istitutiva). Esso confluirà nello Stato Patrimoniale alla voce Crediti Tributari (5-bis dell’Attivo Circolante).

    La voce Altri ricavi e proventi va indicata nel Conto Economico alla voce 5.

  2. AL MOMENTO DELL’UTILIZZAZIONE DEL CREDITO D’IMPOSTA


    Scrittura relativa all'utilizzo del credito d'imposta

    Nell’esempio precedente si è movimentato, in Dare, il generico conto Debiti v/erario: chiaramente tale conto andrà sostituito, a seconda dei casi, con il conto acceso al tipo di debito che si andrà a compensare.


    Esempio: la Alfa Srl usa il credito d’imposta per compensare i propri debiti verso l’erario per le ritenute sui redditi di lavoro dipendente e i contributi previdenziali dovuti all’INPS.



    Scrittura relativa all'utilizzo del credito d'imposta

    Si ricorda inoltre che:

    • a partire dall’1/1/2018, le imprese che ricevono sovvenzioni, contributi, incarichi retribuiti e comunque vantaggi economici di qualunque genere dalle pubbliche amministrazioni e soggetti assimilati, per importi superiori a 10.000 euro nel periodo considerato, devono pubblicare tali importi nella Nota integrativa;
    • i crediti d’imposta vanno indicati, a pena di decadenza, sia nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di riconoscimento del contributo, sia nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo in cui il credito è utilizzato.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net