REGISTRAZIONI PARTITA DOPPIA IN CASO DI SLOT MACHINE

LE REGISTRAZIONI IN PARTITA DOPPIA FATTE DAL GESTORE E DALL'ESERCENTE DI SLOT MACHINE CHE NON ELARGISCONO PREMI IN DENARO

Aggiornato al 14.09.2018

Esaminiamo quelle che sono le scritture contabili che devono essere redatte dal gestore e dall’esercente di apparecchi che non elargiscono premi in denaro.


Occorrerà distinguere due ipotesi:

  • la proprietà delle apparecchiature continua ad essere del gestore;
  • la proprietà delle apparecchiature è dell’esercente.

  1. GESTORE

    Partiamo dalle scritture contabili del gestore. Chiaramente qui si ipotizza che sia il gestore il proprietario degli apparecchi.


    RACCOLTA DELLE GIOCATE

    Al momento della raccolta delle giocate, il gestore andrà a rilevare:

    • l’entrata di cassa;
    • il debito nei confronti dell’esercente per per il compenso a lui spettante;
    • la differenza rappresenta il ricavo derivante dalla attività di gestione degli apparecchi.

    In altre parole si avrà:

    Data Conto Importo Dare Importo Avere
    ../../.. CASSA ......  
    ../../.. DEBITI V/ESERCENTI   ......
    ../../.. RICAVI DA APPARECCHI   ......


    PAGAMENTO ALL’ESERCENTE

    Il pagamento del compenso spettante all’esercente viene effettuato con la scrittura:

    Data Conto Importo Dare Importo Avere
    ../../.. DEBITI V/ESERCENTE ......  
    ../../.. BANCA C/C   ......


    IMPOSTE

    Il gestore è tenuto al pagamento dell’IVA e dell’ISI. Per quanto concerne l’IVA essa è, di norma, applicata in maniera forfettaria.

    Si rammenta che, in caso di applicazione dell’IVA forfettaria, non è prevista la possibilità di detrarre l’IVA sugli acquisti, ma viene concessa una detrazione forfettaria dell’IVA del 50%. L’IVA forfettaria versata, dunque, rappresenta un costo per l’impresa.

    Il gestore, quindi, si troverà a dover versare ISI e IVA e a registrare tale operazione nel modo seguente:

    Data Conto Importo Dare Importo Avere
    ../../.. ISI ......  
    ../../.. IVA FORFETTARIA ......  
    ../../.. BANCA C/C   ......

    Se, invece, il gestore dovesse optare per l’applicazione dell’IVA nei modi ordinari egli dovrà:

    • calcolare l’IVA sui ricavi da apparecchi. Egli dovrà determinare il compenso spettante all’esercente sulle somme raccolte. Dall’importo residuo dovrà scorporare l’IVA;
    • procedere, nei modi consueti alla liquidazione e al versamento dell’eventuale IVA a debito;
    • pagare l’ISI.

    Quindi le scritture da redigere sarebbero:

    Data Conto Importo Dare Importo Avere
    ../../.. CASSA ......  
    ../../.. DEBITI V/ESERCENTI   ......
    ../../.. RICAVI DA APPARECCHI   ......
    ../../.. IVA A DEBITO   ......

    La liquidazione e il versamento dell’IVA avverrà nei modi consueti.

    Il pagamento dell’ISI verrà rilevato come segue:

    Data Conto Importo Dare Importo Avere
    ../../.. ISI ......  
    ../../.. BANCA C/C   ......

  2. ESERCENTE

    Se l’esercente non è titolare delle macchinette. Egli dovrà rilevare solamente l’incasso del compenso di sua spettanza e il relativo ricavo, dato che il pagamento delle imposte sono a carico del gestore.

    Quindi registrerà:

    Data Conto Importo Dare Importo Avere
    ../../.. BANCA C/C ......  
    ../../.. RICAVI DA MACCHINETTE   ......

    Se, invece, l’esercente è titolare delle macchinette e si avvale del regime forfettario di applicazione dell’IVA egli dovrà rilevare i ricavi conseguiti e le imposte pagate nel modo seguente:

    Data Conto Importo Dare Importo Avere
    ../../.. CASSA ......  
    ../../.. RICAVI DA MACCHINETTE   ......

    Data Conto Importo Dare Importo Avere
    ../../.. ISI ......  
    ../../.. IVA FORFETTARIA ......  
    ../../.. BANCA C/C   ......

    Infine, se egli è titolare delle macchinette ed opta per il regime normale di applicazione dell’ IVA dovrà:

    • calcolare l’IVA sui ricavi da apparecchi. Egli dovrà scorporare l’IVA dalla somma incassata dalle macchinette. La differenza tra la somma incassata e l’IVA costituirà il ricavo conseguito;
    • procedere, nei modi consueti alla liquidazione e al versamento dell’eventuale IVA a debito;
    • pagare l’ISI.

    Quindi le scritture da redigere sarebbero:

    Data Conto Importo Dare Importo Avere
    ../../.. CASSA ......  
    ../../.. RICAVI DA APPARECCHI   ......
    ../../.. IVA A DEBITO   ......

    La liquidazione e il versamento dell’IVA avverrà nei modi consueti.

    Il pagamento dell’ISI verrà rilevato come segue:

    Data Conto Importo Dare Importo Avere
    ../../.. ISI ......  
    ../../.. BANCA C/C   ......


 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:
 


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net