MOVIMENTI DI BENI NELL'AMBITO DI UNA STESSA IMPRESA

COME COMPORTARSI QUALORA I BENI VENGANO TRASPORTATI DA UNA SEDE ALL'ALTRA DELLA STESSA IMPRESA

Aggiornato al 03.12.2014

Qualora l’impresa svolga la propria attività attraverso più sedi, può capitare che alcuni beni debbano essere trasportati da una sede all’altra.

Come bisogna comportarsi in questi casi e quali documenti occorre emettere?

L’art.53 del DPR 633/72 stabilisce che si presumono ceduti i beni acquistati, importati o prodotti che non si trovano nei luoghi in cui il contribuente esercita la sua attività, comprese le sedi secondarie, filiali, succursali, dipendenze, stabilimenti, negozi o depositi. Queste devono risultare dall’iscrizione alla Camera di Commercio e dichiarati tali all’ufficio IVA territorialmente competente.

Ne consegue che il trasferimento di beni da una sede all’altra dell’impresa, sempre che tali sedi siano state dichiarate ai fini IVA, non comporta la necessità di emettere nessun documento di trasporto.

Si deve ritenere, quindi, che l’eventuale emissione di un documento di trasporto è solamente facoltativa.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net