www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 
   

 

Gli altri approfondimenti:

 


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
  Contabilità generale e contabilità industriale - un confronto

 

 

 
 
 
 
Approfondimento del 04.04.2009

 

La contabilità generale è un insieme coordinato di scritture aventi come scopo la determinazione del reddito e del capitale d’esercizio.

La contabilità industriale consiste nella rilevazione dei fatti interni di gestione con lo scopo principale di determinare i costi dei prodotti, la fissazione dei prezzi di vendita, la verifica della loro remuneratività, la rilevazione di risultati economici particolari, il controllo dei movimenti interni, l’accertamento dell’efficienza aziendale.

Nelle imprese di medie e grandi dimensioni questi due tipi di contabilità coesistono: la contabilità industriale o contabilità analitica, consente di integrare le conoscenze ricavabili dalla contabilità generale.

La contabilità generale, di cui il bilancio rappresenta il documento di sintesi, fornisce informazioni utili sia per i soggetti esterni all’azienda, che per i soggetti interni. Inoltre, il bilancio, è spesso il punto di partenza di ulteriori elaborazioni che prendono il nome di analisi di bilancio e che consentono di trarre informazioni sulla situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell’impresa.

La contabilità generale, anche supportata da ulteriori informazioni desumibili dalla analisi di bilancio quali indici e flussi, non è sufficiente per tenere sotto controllo i risultati economici e finanziari di singole aree aziendali, di singoli prodotto o linea di produzioni: cosa che, invece, può essere effettuata con il ricorso alla contabilità industriale.

Vediamo, con l’impiego di una tabella, le principali differenze tra contabilità generale e contabilità industriale.

Contabilità generale

Contabilità industriale

La contabilità generale è sempre consuntiva, si limita a fornire informazioni sulla gestione passata.

La contabilità industriale è sia consuntiva che preventiva.

La contabilità generale rileva i soli fatti esterni di gestione: cioè scambi, incassi e pagamenti con terze economie.

La contabilità industriale rileva i soli fatti interni di gestione, ovvero l’utilizzazione delle risorse nei processi produttivi.

La contabilità generale classifica i componenti di reddito secondo la loro origine (costi manodopera, costi materie prime, ecc..)

La contabilità industriale classifica i componenti di reddito secondo la loro destinazione (per centri di costo, per prodotto, per reparto, ecc..).

La contabilità generale si occupa tanto degli aspetti finanziari che di quelli economici della gestione.

La contabilità industriale si occupa solamente degli aspetti economici della gestione.

La contabilità generale è obbligatoria per legge: essa è imposta dalla normativa civilistica e fiscale.

La contabilità industriale non è obbligatoria per legge.

La contabilità generale è tenuta contabilmente con il metodo della partita doppia.

La contabilità industriale può essere tenuta contabilmente o extracontabilmente e non deve essere tenuta con nessuna metodologia in particolare.

 

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

La contabilità analitica


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681