www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 

 
   

 

Gli altri approfondimenti:


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
  Beni ricevuti in permuta - aspetti contabili e fiscali
 
   

 
 
Approfondimento del 03.05.2008

 

La permuta, cioè lo scambio di un bene contro un altro bene, può essere effettuata con due finalità differenti:

  • può costituire un’operazione tipicamente commerciale;

  • può essere effettuata con lo scopo di scambiare un’immobilizzazione materiale con un’altra senza avere come scopo il conseguimento di un ricavo.

Nel primo caso la permuta è assimilabile ad una operazione di compravendita. Il valore al quale occorre iscrivere il cespite ricevuto in bilancio è rappresentato dal suo presumibile alla data di acquisizione. La differenza tra il valore contabile netto del bene dato in permuta e il valore di mercato del bene ricevuto, tenuto conto anche dell’eventuale conguaglio in denaro pattuito, rappresenta l’utile o la perdita derivante dall’operazione. Lo stesso criterio si applica nel caso in cui un’immobilizzazione materiale è acquisita dall’impresa dando in parte in pagamento un’altra immobilizzazioni materiale.

 

Nel secondo caso la permuta non può essere assimilata ad una compravendita: il bene ricevuto a seguito della permuta va iscritto in bilancio allo stesso valore del bene ceduto.

 

 

 

Sostanzialmente analoghe sono le regole fissate dai principi contabili internazionali che prevedono, la valutazione al fair value. Non si applica il fair value nel caso in cui la permuta non ha sostanza commerciale o nel caso in cui il fair value dell’attività ricevuta e di quella ceduta non possano essere determinati in modo attendibile. In questo caso il bene ricevuto in permuta deve essere iscritto in bilancio al valore contabile dell’attività scambiata.

 

Sotto il profilo fiscale (art.86, comma 2, TUIR) la permuta di un cespite contro un altro cespite non genera una plusvalenza se non per l’eventuale conguaglio in denaro pattuito. Affinché non si determini una plusvalenza tassabile è necessario che:

  • il corrispettivo della cessione sia costituito esclusivamente da beni ammortizzabili, sia che si tratti di beni disgiunti che se si tratti di un complesso aziendale o di un ramo d’impresa;

e che

  • i beni ricevuti siano iscritti complessivamente in bilancio allo stesso valore al quale vi erano iscritti i beni ceduti. Ciò significa che nel caso di scambio di un bene contro più beni o di più beni contro più beni si deve fare riferimento al valore complessivo iscritto in bilancio e non al valore dei singoli beni.

 

 
   
   
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681