www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 
 
   

Gli altri approfondimenti:

 


Approfondimenti

 
   
  Iper ammortamento - quando si può applicare l'iper ammortamento - a cura della Dott.ssa Miucci Gessica - www.controllodigestioneaziendale.it

 

 

 
 
 

Approfondimento del 01.09.2017

 

 
L’approvazione della Legge di bilancio 2017 hanno portato alcune novità in tema di agevolazioni fiscali relative agli investimenti, tra cui l'introduzione dell’iper ammortamento al 250% sui beni digitali rientranti nel Piano Industria 4.0.

Nell’ambito della disciplina dei super-ammortamenti, al fine di favorire i processi di trasformazione tecnologica e/o digitale in chiave “Industria 4.0”, vengono introdotti i c.d. “iper-ammortamenti”.

 

Ambito soggettivo

L’agevolazione spetta solo ai titolari di reddito di impresa e non agli esercenti arti o professioni (Circ. Agenzia delle Entrate 30.03.2017 n.4).

 

Ambito temporale

L’agevolazione si applica agli investimenti agevolabili effettuati a partire dall’1.1.2017 ed entro il 31.12.2017 (o entro il 31.7.2018 a condizione che entro il 31.12.2017 il relativo ordine sia stato accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura pari al 20% del costo di acquisizione).

La circolare dell’Agenzia delle Entrate del 30.03.2017 n. 4 ha chiarito che per individuare l’esatto momento in cui l’investimento rientri o meno nel periodo agevolato è necessario fare riferimento alle regole generali sulla competenza indicate all’art. 109 TUIR.

Pertanto in caso di acquisto di beni materiali, occorre fare riferimento alla data di consegna o spedizione del bene, o se diversa e successiva rileva la data in cui si verifica l’effetto traslativo o costitutivo della proprietà o altro diritto reale.

 

Maggiorazione del 150%

Il costo di acquisizione è maggiorato del 150% per gli investimenti in beni strumentali nuovi inclusi nell’Allegato A alla L. 232/2016. Si tratta dei beni funzionali alla trasformazione tecnologica e/o digitale delle imprese in chiave “Industria 4.0”, quali:

  • i beni strumentali il cui funzionamento è controllato da sistemi computerizzati e/o gestito tramite opportuni sensori e azionamento;

  • i sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità;

  • i dispositivi per l’interazione uomo-macchina e per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza del posto di lavoro in logica 4.0.

Tale maggiorazione si sostanzia in una variazione in diminuzione da effettuarsi in dichiarazione dei redditi ai fini delle imposte sui redditi e non Irap.

 

Maggiorazione per i beni immateriali strumentali correlati

Per i soggetti che beneficiano dell’iper-ammortamento è, inoltre, prevista una maggiorazione del 40% del costo di acquisizione dei beni immateriali strumentali inclusi nell’Allegato B alla L. 232/2016.

Si tratta di software, sistemi, piattaforme e applicazioni connessi a investimenti in beni materiali “Industria 4.0”.

 

Documentazione

Ai fini della fruizione dell’iper-ammortamento e della correlata maggiorazione per i beni immateriali, l’impresa è tenuta a produrre entro il periodo di imposta in cui il bene entra in funzione ovvero se successivo quando il bene è interconnesso:

  • una dichiarazione del legale rappresentante resa ai sensi del DPR 445/2000 (dichiarazione sostitutiva di atto notorio);

  • ovvero, per i beni aventi ciascuno un costo di acquisizione superiore a 500.000,00 euro, una perizia tecnica giurata rilasciata da un ingegnere o da un perito industriale iscritti nei rispettivi albi professionali o da un ente di certificazione accreditato.

 

Qualora l’interconnessione sia successiva al periodo di imposta in cui entri in funzione il bene in tale periodo il bene può usufruire del super-ammortamento fino all’esercizio in cui non si realizza l’interconnessione.

Tale documentazione deve attestare che:

  • il bene possiede caratteristiche tecniche tali da includerlo nell’elenco di cui al suddetto Allegato A e/o B;

  • è interconnesso al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura.

Un bene si considera “interconnesso” quando:

  • scambi informazioni con sistemi interni e/o esterni per mezzo di un collegamento basato su specifiche documentate, disponibili pubblicamente e internazionalmente riconosciute (es. TCP-IP, http, MQT, ecc..);

  • sia identificato univocamente al fine di riconoscere l’origine delle informazioni, mediante l’utilizzo standard di indirizzo (es. IP).

 

 
   
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Super ammortamento

Ammortamento beni materiali


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 
 
Visualizza i nostri approfondimenti

 

Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 


 

I nostri ebook

I nostri ebook

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 


 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681

 

Per la pubblicità su questo sito invia una mail a Amministrazione@MarchegianiOnLine.net