REVOCA CONTRIBUTI IN CONTO IMPIANTI

SCRITTURE IN PARTITA DOPPIA

Aggiornato al 20.10.2021

I contributi in conto impianti sono somme erogate alle azienda dallo Stato o da un altro ente pubblico con lo scopo di favorire l'acquisto, la costruzione, l'attivazione o l'ampliamento di un'immobilizzazione materiale.

Tali contributi sono commisurati al costo dell'immobilizzazione stessa e possono essere sottoposti a condizione risolutiva, in altre parole non sono acquisiti in maniera definitiva al momento del loro incasso, ma vengono acquisiti definitivamente solamente nel caso in cui siano rispettate tutte le condizioni poste dalla legge istitutiva del contributo o dal bando o dal provvedimento con il quale viene erogato. Qualora queste condizioni non siano rispettate il contributo verrà revocato da parte dell'ente erogante e l'azienda dovrà restituire la somma ricevuta.

Un caso molto frequente è quello nel quale l'impresa che riceve il contributo è vincolata a mantenere in uso le immobilizzazioni materiali a cui esso si riferisce per un determinato periodo di tempo stabilito dalle norme.


Vediamo, attraverso un esempio, quali scritture contabili l'azienda deve rilevare con riferimento alla restituzione del contributo revocato.

Ricordiamo che i contributi in c/impianti possono essere registrati in contabilità in due modi diversi (si veda a tale proposito Contributi in c/impianti):

  • metodo diretto. Con questo primo metodo i contributi sono portati in diretta diminuzione del costo dell'impianto. L'ammortamento viene calcolato sul costo storico al netto del contributo;
  • metodo indiretto. Con questo secondo metodo i contributi sono rilevati come un componente positivo di reddito pluriennale che viene fatto partecipare alla determinazione del reddito in base al principio di competenza mediante il calcolo di risconti passivi. Con questo secondo metodo il valore delle immobilizzazioni rimane invariato e le quote di ammortamento vengono calcolate sul costo storico.

L'impiego di un metodo o dell'altro non comporta nessuna differenza sull'utile dell'esercizio.


Vediamo ora cosa accade in caso di revoca del contributo.

Esempio:
si supponga che l'azienda Alfa Srl abbia acquistato, nell'esercizio x, un impianto dell'importo di 80.000 euro ricevendo un contributo pari a 50.000 euro. L'aliquota di ammortamento è pari al 10% (per semplicità applicheremo nell'esempio l'aliquota intera anche nel primo esercizio).
Nell'esercizio x+4 il contributo viene revocato in quanto non sono state rispettate le condizioni previste dalla legge concedente.


MTODO DIRETTO

Il contributo viene portato in diretta diminuzione del costo dell'impianto che risulta essere iscritto in contabilità per l'importo di 30.000 euro (80.000 - 50.000).

L'ammortamento calcolato al termine del primo esercizio ammonta a 3.000 euro (30.000 x 10%), così come quello calcolato al termine del secondo, del terzo e del quarto esercizio. Il Fondo ammortamento, al termine dei quattro esercizi in esame, sarà pari a 12.000 euro.

Nell'esercizio x+4 l'azienda Alfa deve restituire il contributo ricevuto e deve, contestualmente, ripristinare il piano di ammortamento originario riportando il valore dell'impianto ad 80.000 euro (anziché 30.000) e il valore del fondo ammortamanto a 32.000 euro [(80.000 x 10%) x 4 esercizi] (anziché 12.000).

Contabilmente occorre rilevare:


  • un debito nei confronti dell'ente erogante per l'ammontare del contributo revocato e il contestuale aumento del valore dell'impianto;
  • una sopravvenienza passiva per le quote di ammortamento non imputate agli esercizi precedenti e il contestuale aumento del valore del fondo ammortamento.

Data Conto Importo Dare Importo Avere Descrizione
../../.... IMPIANTI 50.000   Revocato contributo relativo all'acquisto dell'impianto X......
../../.... DEBITI PER CONTRIBUTI REVOCATI   50.000 Revocato contributo relativo all'acquisto dell'impianto X......

Data Conto Importo Dare Importo Avere Descrizione
../../.... SOPRAVVENIENZE PASSIVE 20.000   Revocato contributo relativo all'acquisto dell'impianto X......
../../.... FONDO AMMORTAMENTO PASSIVO   20.000 Revocato contributo relativo all'acquisto dell'impianto X......

Al momento della restituzione del contributo si chiude il debito e si rileva l'uscita di banca nel modo seguente:

Data Conto Importo Dare Importo Avere Descrizione
../../.... DEBITI PER CONTRIBUTI REVOCATI 50.000   Restituito contributo revocato........
../../.... BANCA C/C   50.000 Restituito contributo revocato........



MTODO INDIRETTO

Il contributo di 50.000 euro viene rilevato come componente positivo di reddito.

Per determinare la parte di competenza dell'esercizio di tale componente si tiene conto del periodo di ammortamento dell'impianto che è di 10 anni, essendo l'aliquota di ammortamento del 10%. Il componente positivo di reddito rappresentato dal contributo costituisce un ricavo di competenza del primo esercizio solamente per la 10° parte (50.000 /10 = 5.000), così come per il secondo, per il terzo e per il quarto esercizio. Quindi, al termine dell'esercizio x+3 il ricavo costituito dal contributo ha concorso alla formazione del reddito degli esercizi precedenti per 20.000 euro (5.000 x 4), mentre in bilancio compare un valore del risconto passivo di 30.000 euro (50.000 - 20.000) per ricavi rinviati a futuri esercizi.

Contabilmente occorre rilevare:

  • un debito nei confronti dell'ente erogante per l'ammontare del contributo revocato;
  • la chiusura del conto risconti passivi in quanto il ricavo pluriennale che non ha ancora concorso alla formazione del reddito non va più rinviato ai futuri esercizi;
  • una sopravvenienza passiva per quella parte di ricavi, relativa ai contributi venuti meno, ma che ha concorso alla formazione del reddito dei precedenti esercizi.

Data Conto Importo Dare Importo Avere Descrizione
../../.... RISCONTI PASSIVI 30.000   Revocato contributo relativo all'acquisto dell'impianto X......
../../.... SOPRAVVENIENZE PASSIVE 20.000   Revocato contributo relativo all'acquisto dell'impianto X......
../../.... DEBITI PER CONTRIBUTI REVOCATI   50.000 Revocato contributo relativo all'acquisto dell'impianto X......

Al momento della restituzione del contributo si chiude il debito e si rileva l'uscita di banca nel modo seguente:

Data Conto Importo Dare Importo Avere Descrizione
../../.... DEBITI PER CONTRIBUTI REVOCATI 50.000   Restituito contributo revocato........
../../.... BANCA C/C   50.000 Restituito contributo revocato........

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:
 


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net