COMPONENTI STRAORDINARI DI REDDITO

LA LORO COLLOCAZIONE NEL CONTO ECONOMICO DOPO LA SOPPRESSIONE DELLA MACRO-CATEGORIA "PROVENTI E ONERI STRAORDINARI"

Aggiornato al 05.01.2017

L’introduzione del D.Lgs.139/2015 ha apportato delle modifiche allo schema di Conto Economico. La principale novità consiste nella eliminazione della sezione destinata ai componenti straordinari di reddito. Di conseguenza, questi ultimi, andranno ricollocati nelle voci di Conto Economico ritenute più appropriate.

Il nuovo OIC 12 emanato a dicembre 2016 ha individuato, per molte tipologie di componenti straordinari di reddito, una nuove voce di Conto Economico nella quale andranno collocate. Laddove non è stato possibile, a priori, stabilire in modo univoco una voce di destinazione, dovrà essere il redattore del bilancio ad individuare la corretta collocazione in base alla tipologia dell’evento che ha generato il costo o il ricavo straordinario.

Di seguito si riporta una tabella circa la corretta la collocazione di alcuni componenti straordinari secondo la versione dell’OIC 12 del 2016.


ONERI, PLUSVALENZE E MINUSVALENZE DERIVANTI DA OPERAZIONI CON RILEVANTI EFFETTI SULLA STRUTTURA AZIENDALE

  • Oneri di ristrutturazione aziendali

    Comprendono costi di tipologia diversa. Pertanto la corretta collocazione di tali poste spetta al redattore del bilancio

  • Componenti reddituali derivanti da ristrutturazione del debito

    C.16.d) Proventi diversi

  • Plusvalenze e minusvalenze derivanti da conferimenti di aziende e rami aziendali, fusioni, scissioni ed altre operazioni sociali straordinarie

    A.5) Altri ricavi e proventi

    B.14) Oneri diversi di gestione

  • Plusvalenze e minusvalenze derivanti dalla cessione (compresa la permuta) di parte significativa delle partecipazioni detenute o di titoli a reddito fisso immobilizzati

    C.15) Proventi da partecipazione

    C.16.b) Altri proventi finanziari: da titoli iscritti nelle immobilizzazioni che non costituiscono partecipazioni

    C.17) Interessi e altri oneri finanziari, con separata indicazione di quelli verso imprese controllate e collegate e verso controllanti

  • Plusvalenze e minusvalenze derivanti in generale da operazioni di natura straordinaria, di riconversione produttiva, ristrutturazione o ridimensionamento produttivo

    A.5) Altri ricavi e proventi

    B.14) Oneri diversi di gestione

  • Plusvalenze o minusvalenze derivanti da espropri o nazionalizzazioni di beni

    A.5) Altri ricavi e proventi

    B.14) Oneri diversi di gestione

  • Plusvalenze e minusvalenze derivanti dall’alienazione di immobili civili ed altri beni non strumentali all’attività produttiva, nonché il plusvalore derivante dall’acquisizione delle immobilizzazioni materiali a titolo gratuito

    A.5) Altri ricavi e proventi

    B.14) Oneri diversi di gestione

  • Plusvalenze e minusvalenze da svalutazioni e rivalutazioni di natura straordinaria

    Comprendono costi di tipologia diversa. Pertanto la corretta collocazione di tali poste spetta al redattore del bilancio.



SOPRAVVENIENZE ATTIVE E PASSIVE DERIVANTI DA FATTI NATURALI O DA FATTI ESTRANEI ALLA GESTIONE DELL’IMPRESA:

  • Furti e ammanchi di beni di natura straordinaria

    Poiché possono riferirsi a beni di tipologia diversa spetta al redattore del bilancio la corretta collocazione di tali poste

  • Rimborsi assicurativi per furti ed ammanchi

    A.5) Altri ricavi e proventi

  • Perdite o danneggiamenti di beni a seguito di eventi naturali straordinari (alluvioni, terremoti, incendi, inondazioni, ecc..)

    Poiché possono riferirsi a beni di tipologia diversa spetta al redattore del bilancio la corretta collocazione di tali poste

  • Rimborsi assicurativi per perdite o danneggiamenti di beni

    A.5) Altri ricavi e proventi

  • Liberalità ricevute in denaro o natura che non costituiscono contributi in conto esercizio

    A.5) Altri ricevi e proventi

  • Oneri per multe, ammende e penalità originate da eventi estranei alla gestione, imprevedibili ed occasionali

    B.14) Oneri diversi di gestione

  • Oneri da cause e controversie di natura straordinaria non pertinenti alla normale gestione dell’impresa (esempio: quelle relative ad immobili civili ceduti, a rami aziendali ceduti, a ristrutturazioni e riconversioni aziendali, ad operazioni sociali straordinarie come fusioni e scissioni, ecc..)

    Poiché possono riferirsi a fattispecie diverse spetta al redattore del bilancio la corretta collocazione di tali poste

  • Perdita o acquisizione a titolo definitivo di caparre, qualora abbiano natura straordinaria

    B.14) Oneri diversi di gestione

    A.5) Altri ricavi e proventi

  • Indennità varie per rotture di contratti

    Poiché possono riferirsi a fattispecie di tipologia diversa spetta al redattore del bilancio la corretta collocazione di tali poste



IMPOSTE RELATIVE AD ESERCIZI PRECEDENTI

  • Oneri per imposte dirette relative ad esercizi precedenti, compresi i relativi oneri accessori (sanzioni ed interessi)

    20) Imposte sul reddito d’esercizio correnti, differite e anticipate

  • Differenza positiva o negativa derivante dalla definizione di un contenzioso a fronte di cui era stanziato un fondo

    20) Imposte sul reddito d’esercizio correnti, differite e anticipate

  • Oneri per imposte indirette relative agli esercizi precedenti, compresi i relativi oneri accessori (sanzioni ed interessi)

    B.14) Oneri diversi di gestione

  • Differenza derivante dalla definizione di un contenzioso a fronte di cui era stato stanziato un fondo

    Se negativa - B.14) Oneri diversi di gestione

    Se positiva - A.5) Altri ricavi e proventi

  • Contributi erogati in occasione di fatti eccezionali (terremoti, inondazioni, ecc..)

    A.5) Altri ricavi e proventi


 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net