INDICE DI IMPORTANZA DELLA LIQUIDITA'

COME SI CALCOLA E IN COSA CONSISTE

Aggiornato al 02.03.2010

COS’E’ L’INDICE DI IMPORTANZA DELLE LIQUIDITA’

L’indice di importanza della liquidità è dato dal rapporto tra la liquidità e il valore totale degli investimenti.

Esso è un indice di composizione ovvero uno di quegli indici che evidenzia il peso che una classe di impieghi o di fonti ha rispettivamente sul totale degli impieghi o delle fonti.


VALORI ASSUNTI DALL’INDICE DI IMPORTANZA DELLE LIQUIDITA’

L’indice di importanza delle liquidità può assumere i seguenti valori:

0 - assenza di liquidità
1 - liquidità, ed investimenti totali, si equivalgono.


Normalmente l’indice assume un valore compreso tra 0 e 1.

Chiaramente questi due valori estremi indicano, in genere, situazioni anomale e rischiose.

L’ipotesi in cui l’indice è pari a zero sta ad indicare una pericolosa situazione di assenza di liquidità.

Mentre, per contro, anche un valore pari a uno, che si ha allorquando tutti gli investimenti sono in forma liquida, rappresenta una situazione non positiva per l’impresa.

Un eccesso di liquidità non è utile all’impresa e potrebbe essere impiegata in altre forme di investimento più remunerative.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net