LIMITI ALLA COMPENSAZIONE TRIBUTARIA

QUANDO SI PUO' PROCEDERE ALLA COMPENSAZIONE TRIBUTARIA

Aggiornato al 13.12.2019

La compensazione dei crediti per imposte e contributi con i relativi debiti è ammessa entro il limite massimo annuo di € 700.000 (tale limite si applica dal 2014. In precedenza esso era pari a 516.456,90).

Per le imprese il cui periodo d’imposta non coincide con l’anno solare, occorre fare riferimento al periodo compreso tra il 1° gennaio e il 31 dicembre di ciascun anno.

Nel limite non vanno considerati:

  • i crediti utilizzati per compensare debiti relativi alla stessa imposta e ciò anche nel caso in cui la compensazione sia stata effettuata avvalendosi del modello F24;
  • i crediti derivanti da agevolazioni e incentivi fiscali.

Con riferimento ai crediti maturati a decorrere dal periodo d’imposta in corso al 31/12/2019 i seguenti crediti:

  • credito IVA annuale o relativo a periodi inferiori all’anno;
  • crediti relativi alle imposte sui redditi e alle addizionali sulle imposte sui redditi;
  • crediti relativi alle imposte sostitutive delle imposte sui redditi;
  • crediti relativi all’IRAP;

di importo superiore a 5.000 euro, sono compensabili solamente a partire dal 10° giorno successivo a quello di presentazione della dichiarazione o dell’istanza da cui il credito emerge.

Si rammenta, inoltre, che tutti i contribuenti (sia titolari di partita IVA, che privati) che intendono effettuare la compensazione devono presentare il modello F24 utilizzando esclusivamente i canali Entratel o Fisconline messi a disposizione dell’Agenzia delle Entrate.

Per quanto concerne la compensazione di debiti e crediti relativi alla stessa imposta occorre precisare che, la sua esplicitazione sul modello F24, è del tutto facoltativa.

Ad esempio:
l’IRPEF dovuta per il primo acconto dell’anno x, pari a 150 euro, viene compensata con il credito IRPEF dell’anno x-1, pari a 100 euro.

Sul modello F24 la situazione può essere esposta in due modi diversi:

  1. codice tributo 4033 (I acconto IRPEF) – anno x - 50 euro;
  2. codice tributo 4033 –(I acconto IRPEF) - anno x - 150 euro
    e
    codice tributo 4001 – (saldo IRPEF) anno x-1 – 100 euro

Per i contributi previdenziali ed assistenziali esistono delle limitazioni temporali alla compensazione.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net