COMPENSAZIONE DEBITI E CREDITI COMMERCIALI

ASPETTI CONTABILI

Aggiornato al 02.03.2010

Supponiamo che un’impresa B sia cliente e fornitrice, al tempo stesso, di un’altra impresa che chiameremo A.

Ora ipotizziamo che A abbia un credito nei confronti di B per merce consegnatagli per un importo di 1.000 euro e, al tempo stesso abbia un debito per dei materiali acquistati da B per 1.200 euro.


Compensazione debiti e crediti commerciali

L’impresa A può, contabilmente, compensare il credito vantato verso B con il suo debito nei confronti di B, cioè effettuare una somma algebrica dei due valori, ed esporre in bilancio solamente il debito residuo di 200 euro?

La risposta è no.

La compensazione dei debiti e dei crediti commerciali, da un punto di vista contabile non è ammissibile: l’art.2423-ter del Codice civile prevede espressamente che sono vietati i compensi di partite. Essi, infatti, finirebbero con l’influire sulla chiarezza dell’informazione che la contabilità, prima, e il bilancio poi, devono fornire.

Questa regola generale prevede una sola eccezione: ed è quella che la compensazione possa essere effettuata da un punto di vista legale.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net