COSTI PER IL TRASFERIMENTO E IL RIPOSIZIONAMENTO DEI CESPITI

QUANDO SONO CAPITALIZZABILI

Aggiornato al 05.12.2017

I costi per il trasferimento e il riposizionamento di uno o più cespiti possono essere distinti in tre categorie diverse:

  • costi per il trasferimento e il riposizionamento di linee di produzione o interi stabilimenti nell’ambito della definizione di un nuovo lay-out della produzione. Tali costi sono capitalizzabili solamente se comportano un beneficio futuro misurabile in termini di ampliamento o miglioramento della capacità produttiva dell’impresa che si rifletta in una riduzione dei costi di produzione sostenuti.

    L’ammortamento di tali costi deve avvenire in un periodo di tempo relativamente breve, compreso tra 3 e 5 anni;

  • costi relativi a trasferimenti per cessata locazione o per necessità di sgombero dei locali prima occupati. Tali costi non sono in nessun caso capitalizzabili;
  • costi sostenuti per il trasferimento e riposizionamento di singoli cespiti. Tali costi sono considerati costi incrementativi del valore di iscrizione del cespite stesso, se ricorrono i presupposti per una loro capitalizzazione.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net