SPESE DI MANUTENZIONE ORDINARIA SU BENI DI TERZI

LE REGOLE FISCALI

Aggiornato al 01.09.2017

Le spese di manutenzione e riparazione ordinarie su beni di terzi sono interamente deducibili nell’esercizio di competenza. Tale regola è applicabile sia da un punto di vista civilistico che fiscale. In particolare sotto il profilo fiscale, la regola si desume dalla lettura dell’art.102 del TUIR nella parte in cui stabilisce che il limite del 5% delle spese deducibile nel corso dell’esercizio debba essere calcolato con riferimento al valore dei beni iscritti nel registro dei beni ammortizzabili.

Dunque i beni di terzi posseduti dall’impresa, non essendo iscritti nel registro dei beni ammortizzabili, non entrano nel calcolo del 5%. Pertanto le spese di manutenzione ordinarie relative a tali beni si possono dedurre interamente nell’esercizio di competenza.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net