FONDO VERTENZE IN CORSO

LE SCRITTURE CONTABILI DA REDIGERE IN CASO DI VERTENZE DA PARTE DEI DIPENDENTI

Aggiornato al 28.09.2020

La vertenza di lavoro è una controversia che sorge tra il dipendete e il datore di lavoro ed è dovuta al mancato rispetto, da parte dell'azienda, delle norme che regolano il rapporto tra le parti, contenute nel Codice civile o nei contratti collettivi.

Nel momento in cui vi è una vertenza tra il datore di lavoro ed un dipendente, e la probabilità che l'azienda perda la causa in corso è maggiore rispetto alla probabilità che a perdere sia il dipendente, diventa opportuno stanziare in bilancio un Fondo vertenze in corso che non è altro che un fondo rischi creato dall'impresa per far fronte agli oneri derivanti da eventi già esistenti alla data del bilancio (la controversia in corso tra azienda e lavoratore) il cui esisto è incerto (l'azienda potrebbe soccombere o meno), ma probabile (è più probabile che l'azienda perda la causa che non che la vinca).


La scrittura da redigere al termine dell'esercizio nel quale sorge la controversia tra le parti è la seguente:


ACCANTONAMENTO FONDO VERTENZE IN CORSO   a   FONDO VERTENZE IN CORSO



Il conto Fondo vertenze in corso va portato tra le passività dello Stato Patrimoniale alla voce B.4) Altri fondi per rischi ed oneri, mentre il conto Accantonamento fondo vertenze in corso andrà portato in bilancio, nel Conto Economico, alla voce B.9.e) Altri costi per il personale.

Vediamo un esempio concreto.


Esempio:
In data 01/09 dell'anno x il signor Rossi, che è stato licenziato dalla Alfa Srl, intraprende una causa nei suoi confronti contestando i motivi del licenziamento e chiedendo un indennizzo pari a 50.000 euro. Al termine dell'esercizio la causa è ancora in corso.

Ipotizziamo che la ditta Alfa Srl ritenga molto probabile che la causa venga persa. Essa, allora, effettua al termine dell'esercizio x un accantonamento pari all'importo che si presume di dover pagare all'ex-dipendente (50.000 euro) più le spese legali che sono stimate in 5.000 euro.

La scrittura che verrà redatta sarà quindi:

ACCANTONAMENTO FONDO VERTENZE IN CORSO   a   FONDO VERTENZE IN CORSO    55.000



Supponiamo ora che, nell'esercizio successivo, la causa si chiuda con un verdetto a favore del dipendente.

Si potranno verificare tre situazioni diverse:

  1. l'onere a carico dell'azienda, per il risarcimento dovuto al dipendente e le spese legali, ammonta esattamente all'importo accantonato (55.000 euro).

    La Alfa Srl dovrà redigere la scrittura con la quale rileva il debito verso il dipendente Rossi e contestualmente chiude il fondo del passivo:

    FONDO VERTENZE IN CORSO   a   DEBITI VERSO EX-DIPENDENTE ROSSI   55.000


    Successivamente la Alfa Srl provvederà a rilevare la scrittura relativa al pagamento del debito.


  2. l'onere a carico dell'azienda, per il risarcimento dovuto al dipendente e le spese legali, è superiore rispetto all'importo accantonato. Supponiamo, ad esempio, che ammonti a 60.000 euro.

    La Alfa Srl dovrà rilevare il debito verso il dipendente Rossi e contestualmente:

    • chiudere il fondo precedentemente creato;
    • per la differenza rilevare un componente negativo di reddito.

    Le due scritture da redigere saranno:

    FONDO VERTENZE IN CORSO   a   DEBITI VERSO EX-DIPENDENTE ROSSI   55.000

    INDENNIZZI AD EX-DIPENDENTI   a   DEBITI VERSO EX-DIPENDENTE ROSSI   5.000


    Il conto "Indennizzi ad ex-dipendenti andrà portato in bilancio, nel Conto Economico, alla voce B.9.e) Altri costi per il personale.

    Anche in questo caso seguirà la scrittura di pagamento del debito per 60.000 euro.


  3. l'onere a carico dell'azienda, per il risarcimento dovuto al dipendente e le spese legali, è inferiore rispetto all'importo accantonato. Supponiamo, ad esempio, che ammonti a 45.000 euro.

    La Alfa Srl dovrà redigere la scrittura con la quale rileva il debito verso il dipendente Rossi. La parte di fondo non utilizzata va stornata ad un componente positivo di reddito.

    Le scritture da redigere saranno:

    FONDO VERTENZE IN CORSO   a   DEBITI VERSO EX-DIPENDENTE ROSSI   45.000

    FONDO VERTENZE IN CORSO   a   INSUSSISTENZE ATTIVE   10.000


    Il conto "Insussistenze attive" potrà essere portato nel Conto Economico, alla voce A.5) Altri ricavi e proventi.

    Seguirà la scrittura di pagamento del debito nei confronti del signor Rossi per 45.000 euro.


 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net