IL FORFAITING

CARATTERISTICHE DEL FORFAITING E SUE FASI DI SVOLGIMENTO

Aggiornato al 31.03.2017

Si chiama forfaiting financing, o più semplicemente forfaiting, una forma di smobilizzo di credito commerciali sorti da operazioni di esportazione. Si tratta di un contratto atipico, che non ha una precisa disciplina giuridica.

Di seguito sono riportate le principali caratteristiche del forfaiting e le sue fasi di svolgimento.


CARATTERISTICHE DEL FORFAITING

Oggetto del forfaiting

Crediti commerciali derivanti da:

  • esportazioni;
  • prevalentemente di beni strumentali;
  • regolati con cambiali (l’operazione può essere svolta anche su lettere di credito o promissory notes);
  • con scadenza tra 1 e 5 anni.

Soggetti che intervengono

  • Esportatore
  • Importatore
  • Forfaiter - banca che:

    • anticipa l’importo delle cambiali all’esportatore;
    • riscuote il credito alla scadenza;
    • assume il rischio:
      • di insolvenza del debitore;
      • di variazione dei cambi;
      • paese;

Banca garante - che garantisce il credito. In genere è la banca dell’importatore.



Costo dell’operazione

E’ dato dalla differenza tra il valore anticipato all’esportatore e il valore nominale delle cambiali.

Esso è determinato da tre elementi:

  • tasso di sconto. Dipende dal tasso LIBOR e dal margine che il forfaiter aggiunge ad esso in base al rischio paese, al rischio commerciale, all’affidabilità della banca garante;
  • giorni banca;
  • commissione d’impegno, detta anche commissione di forfaiting per l’impegno irrevocabile assunto dal forfaiter.

Valuta del credito

Teoricamente qualsiasi valuta internazionale.

In pratica solamente le principali valute internazionali (dollaro USA, euro, ecc..).



Limiti di importo

Non sono previsti limiti di importo per ciascuna operazione.

Tuttavia, normalmente si considera conveniente l’operazione solo per importi a partire da 100.000 euro.



Agevolazioni

La legge Ossola (L.227/1977) prevede un contributo in conto interessi che può essere richiesto dall’esportatore italiano.



FASI DI SVOLGIMENTO DEL FORFAITING

  • L’esportatore vende la merce e la consegna all’importatore.
  • L’esportatore spicca la tratta sull’importatore. L’importatore fa avallare la tratta dalla sua banca

    oppure

    l’esportatore riceve la cambiale pagherò sottoscritta dall’importatore e già avallata dalla sua banca.

    La presenza dell’ avallo, da parte della banca dell’importatore, fa sì che in caso di suo inadempimento il forfaiter può pretendere la prestazione da parte della banca avallante.

  • L’esportatore gira l’effetto al forfaiter con clausola senza regresso in modo da realizzare una cessione pro-soluto.

    In altre parole, in caso di insolvenza del debitore, il forfaiter non esercita l’azione di regresso: di conseguenza il rischio di insolvenza ricade sul fortaiter.

  • Il forfaiter anticipa all’esportatore il netto ricavo dello sconto effetti.
  • Alla scadenza degli effetti, il forfaiter li invia alla banca dell’importatore.
  • La banca dell’importatore paga al forfaiter l’importo degli effetti.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net