ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE: SCRITTURE CONTABILI

LE SCRITTURE CONTABILI DELL'ASSOCIANTE NEL CONTRATTO DI ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE

Aggiornato al 01.09.2017

Vediamo quali sono le scritture contabili che deve redigere l’associante con riferimento al contratto di associazione in partecipazione con solo apporto di capitale . Di seguito si ipotizza che l’associante è un’impresa e l’associato è una persona fisica che non esercita attività d’impresa, nè di lavoro autonomo.


Esempio:
la ALfa Srl e il signor Rossi stipulano un contratto di associazione in partecipazione con solo apporto di capitale relativamente all’intera attività dell’impresa. Il signor Rossi è una persona fisica che non esercita attività di lavoro autonomo, né attività d’impresa. L’apporto è costituto da denaro ed ammonta a 20.000 euro. Le parti stabiliscono una partecipazione agli utili, a favore dell’associato, del 10% del reddito netto risultante dal bilancio. Il reddito netto ammonta a 100.000 euro. Il contratto non è qualificato pertanto sull’utile corrisposto al signor Rossi andrà applicata la ritenuta a titolo di imposta del 20%.



STIPULA DEL CONTRATTO

Nel momento in cui viene stipulato il contratto l’associante rileva un credito nei confronti dell’associato con il quale si evidenzia l’impegno che questi si è assunto di effettuare l’apporto. Inoltre rileva un debito nei confronti dell’associato relativamente all’apporto che dovrà essere restituito al termine del contratto.

Data Conto Importo Dare Importo Avere
../../.. CREDITI V/ASSOCIATO ROSSI 20.000  
../../.. DEBITI V/ASSOCIATO ROSSI   20.000

La voce Crediti v/associato Rossi va portata in bilancio tra i crediti dell’attivo circolante verso altri (C.II.5-quater dell’Attivo dello Stato Patrimoniale).

La voce Debiti /associato Rossi va portata in bilancio tra gli altri debiti del passivo (D.14 del passivo dello Stato Patrimoniale).


VERSAMENTO DELLA SOMMA DOVUTA

Nel momento in cui l’associato effettua il versamento della somma dovuta si chiude il credito vantato dall’associante nei suoi confronti. La scrittura da redigere è la seguente:

Data Conto Importo Dare Importo Avere
../../.. BANCA C/C 20.000  
../../.. CREDITI V/ASSOCIATO ROSSI   20.000


APPROVAZIONE DEL RENDICONTO

Nel momento in cui viene approvato il rendiconto l’associante dovrà rilevare la quota di utili spettante all’associato.

Egli potrà seguire due vie diverse:

  1. rilevare un costo da portare a Conto Economico pari alla quota di utili spettante all’associato

    Data Conto Importo Dare Importo Avere
    ../../.. ONERI PER ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE 10.000  
    ../../.. ASSOCIATO ROSSI C/COMPETENZE   10.000

    Il conto Oneri per associazione in partecipazione va portato nel Conto economico tra i Proventi ed oneri finanziari alla voce Interessi ed oneri finanziari (C.17 del Conto Economico).

    Poiché tale costo non è fiscalmente deducibile per l’associante egli dovrà, in sede di dichiarazione dei redditi, apportare una rettifica in aumento del reddito.

  2. rilevare la quota di utili spettante all’associato in sede di destinazione dell’utile dell’esercizio.

    Data Conto Importo Dare Importo Avere
    ../../.. UTILE D'ESERCIZIO 100.000  
    ../../.. ASSOCIATO ROSSI C/COMPETENZE   10.000
    ../../.. UTILI PORTATI A NUOVO   90.000

    Questo modo di procedere ha il vantaggio di non rendere necessaria nessuna variazione in sede di dichiarazione dei redditi.


In entrambe le ipotesi il conto Associato Rossi c/competenze può essere portato in bilancio tra i debiti dello Stato patrimoniale, come altri debiti (D.14 del passivo dello Stato Patrimoniale).


PAGAMENTO DEGLI UTILI ALL’ASSOCIATO

Nel momento in cui si rileva il pagamento degli utili all’associato Rossi si chiude il conto Associato Rossi c/competenze e viene rilevata la ritenuta a titolo d’imposta del 20% operata dall’associante.

Data Conto Importo Dare Importo Avere
../../.. ASSOCIATO ROSSI C/COMPETENZE 10.000  
../../.. BANCA C/C   8.000
../../.. RITENUTA D'IMPOSTA   2.000

Questo modo di procedere ha il vantaggio di non rendere necessaria nessuna variazione in sede di dichiarazione

CONCLUSIONE DEL CONTRATTO

Al momento della conclusione del contratto si avrà la restituzione, da parte dell’associante, della somma apportata dall’associato, e la chiusura del debito nei suoi confronti. La scrittura sarà:

Data Conto Importo Dare Importo Avere
../../.. DEBITI V/ASSOCIATO ROSSI 20.000  
../../.. BANCA C/C   20.000

Questo modo di procedere ha il vantaggio di non rendere necessaria nessuna variazione in sede di dichiarazione

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:
 


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net