www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 
   

 

Gli altri approfondimenti:


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
  Azienda coniugale: aspetti fiscali - la tassazione del reddito prodotto dall'azienda coniugale

 

 

 
 
 

Approfondimento del 21.03.2014

 

L'azienda coniugale è l'azienda  costituita dopo il matrimonio da entrambi i coniugi o prima del matrimonio da uno solo di essi e gestita da ambedue i coniugi.

Vediamo come va trattato, da un punto di vista fiscale, il reddito prodotto da tale azienda.

L'azienda coniugale può essere costituita come una società nella quale i soci sono i due coniugi. In questo caso valgono le regole proprie delle società.

 

In caso contrario l'utile conseguito dall'azienda va ripartito tra i soci al 50%.

Esempio.

Il reddito conseguito da un'azienda coniugale ammonta a 100.000 euro.

Ognuno dei due coniugi dichiara il 50% del reddito, quindi:

 

Marito Moglie
50% 100.000 x 50% = 50.000 50% 100.000 x 50% = 50.000

 

Tuttavia, i coniugi possono stabilire delle quote diverse in apposite convenzioni matrimoniali stipulate per atto pubblico a pena di nullità.

Esempio.

Il reddito conseguito da un'azienda coniugale ammonta a 100.000 euro.

I coniugi hanno stabilito di attribuire l'80% del reddito al marito e il restante 20% alla moglie:

 

Marito Moglie
80% 100.000 x 80% = 80.000 20% 100.000 x 20% = 20.000

 

 

Nel caso in cui l'azienda coniugale non è gestita in forma societaria, il titolare dell'azienda dichiara il reddito d'impresa nel modello Unico utilizzando il quadro F (se l'impresa è in contabilità ordinaria) o G (se l'impresa è in contabilità semplificata).

Egli, inoltre, deve indicare la quota di utile spettante all'altro coniuge.

L'altro coniuge deve indicare il proprio reddito compilando il quadro H (redditi da partecipazione) della propria dichiarazione.

Esempio.

Il reddito conseguito da un'azienda coniugale in contabilità ordinaria ammonta a 100.000 euro. L'azienda è intestata al marito.

Ognuno dei due coniugi dichiara il 50% del reddito, quindi:

 

Marito

  • Determina il reddito d'impresa nel quadro F

  • Indica che il 50% del reddito spetta all'altro coniuge

  • Paga le imposte su 50.000 euro di redditi d'impresa

 

Moglie

  • Dichiara 50.000 euro di redditi d'impresa con il quadro H

Ovviamente anche le ritenute e i crediti d'imposta vanno imputati ai due coniugi nella stessa misura in cui sono imputati gli utili dell'azienda coniugale.

 

 

   

 

 

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Impresa coniugale

L'impresa familiare: codice civile e norme fiscali

Fac simile atto impresa familiare


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681