MANCATO RICEVIMENTO DELLA FATTURA DI ACQUISTO

COSA DEVE FARE L'ACQUIRENTE DEL BENE O IL COMMITTENTE DEL SERVIZIO SE NON RICEVE LA FATTURA DI ACQUISTO

Aggiornato al 03.10.2008

L’art.21 del D.P.R.633/72 stabilisce che per ciascuna operazione imponibile il soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione del servizio emette fattura.

La fattura è emessa al momento di effettuazione dell’operazione. Tuttavia per le cessioni di beni la cui consegna o spedizione risulti da documento di trasporto o da altro documento idoneo a identificare i soggetti tra i quali è effettuata l’operazione la fattura può essere emessa entro il giorno 15 del mese successivo a quello della consegna o spedizione.

Cosa accade se il cliente non riceve la fattura?

In questi casi è l’acquirente del bene o il committente del servizio che è tenuto ad emettere autofattura (D.Lgs.471 del 18/12/1997, art.6, comma 8).

Di seguito riportiamo una tabella che sintetizza gli obblighi di autofatturazione in caso di mancato ricevimento di fattura di acquisto nell’ipotesi di acquisti interni.


Mancato ricevimento della fattura di acquisto

(1) - Tranne quelle indicate ai numeri 1) e 2) dell’art. 2 del D.P.R.633/72 (ovvero vendite con riserva di proprietà e locazioni con clausola di trasferimento della proprietà vincolante per ambedue le parti).

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net