CONTABILITA' GENERALE E CONTABILITA' INDUSTRIALE

UN CONFRONTO TRA LE DUE

Aggiornato al 04.04.2009

La contabilità generale è un insieme coordinato di scritture aventi come scopo la determinazione del reddito e del capitale d’esercizio .

La contabilità industriale consiste nella rilevazione dei fatti interni di gestione con lo scopo principale di determinare i costi dei prodotti, la fissazione dei prezzi di vendita, la verifica della loro remuneratività, la rilevazione di risultati economici particolari, il controllo dei movimenti interni, l’accertamento dell’efficienza aziendale.

Nelle imprese di medie e grandi dimensioni questi due tipi di contabilità coesistono: la contabilità industriale o contabilità analitica, consente di integrare le conoscenze ricavabili dalla contabilità generale.

La contabilità generale, di cui il bilancio rappresenta il documento di sintesi, fornisce informazioni utili sia per i soggetti esterni all’azienda, che per i soggetti interni. Inoltre, il bilancio, è spesso il punto di partenza di ulteriori elaborazioni che prendono il nome di analisi di bilancio e che consentono di trarre informazioni sulla situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell’impresa.

La contabilità generale, anche supportata da ulteriori informazioni desumibili dalla analisi di bilancio quali indici e flussi, non è sufficiente per tenere sotto controllo i risultati economici e finanziari di singole aree aziendali, di singoli prodotto o linea di produzioni: cosa che, invece, può essere effettuata con il ricorso alla contabilità industriale.

Vediamo, con l’impiego di una tabella, le principali differenze tra contabilità generale e contabilità industriale.


Contabilità generale e contabilità industriale a confronto

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net