AMMORTAMENTO IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

CONSIDERAZIONI GENERALI

Aggiornato al 01.09.2017

Per quanto concerne le immobilizzazioni immateriali la deducibilità di quote fiscali di ammortamento è consentita solamente nel caso di beni immateriali ( diritti di utilizzazione di opere dell’ingegno, brevetti industriali, processi, formule e informazioni relativi ad esperienze acquisite in campo industriale, commerciale o scientifico; marchi d’impresa; diritti di concessione e altri diritti iscritti nell’attivo del bilancio) e dell’ avviamento (Art.103 TUIR).

Le spese pluriennali, invece, sono deducibili nel limite della quota imputabile a ciascun esercizio. Per le imprese di nuova costituzione, le spese relative a più esercizi sono deducibili a partire dall’esercizio in cui sono conseguiti i primi ricavi (art.108 TUIR).

Per quanto concerne l’ammortamento dei beni immateriali, va evidenziato che le norme fiscali non contengono precise indicazioni circa la sua decorrenza.

Inoltre, a tali beni non possono applicarsi neppure le norme relative alla deducibilità integrale dei costi nel caso di beni di importo non superiore a 516,46 euro.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net