IL BUDGET IN AZIENDA

COS'E' IL BUDGET E A COSA SERVE

di Federico Bongi - Axential
Aggiornato al 05.11.2007

Il controllo di gestione va inteso come strumento a supporto delle diverse fasi del ciclo di pianificazione e controllo di una azienda. Si articola in tre componenti principali, che sono: il sistema di budgeting, il sistema di controllo in senso stretto, il sistema di reporting.

Esso si inserisce nella fase di pianificazione, in quella di verifica degli obiettivi e delle risorse ed in quella di determinazione dei risultati economici aziendali. Mediante la misura degli obiettivi e delle performance interne, chi ha il compito di indagare l’azienda può effettuare analisi degli scostamenti e monitorare i risultati ottenuti.

Tutto questo tramite il mezzo del budget. Il budget viene utilizzato ormai da decenni come strumento di gestione, con due significati principali:

  • un sistema di pianificazione economico-finanziaria che permette di valutare i fabbisogni di risorse e di prevedere una loro assegnazione alla varie componenti dell’organizzazione;
  • un meccanismo di regolamentazione dei rapporti tra le persone dell’azienda, con lo scopo di orientare i singoli comportamenti verso obiettivi prestabiliti;
  • permette di programmare il fabbisogno per l’anno successivo e stimare le entrate future.

Tutto questo si articola in un’ottica di programmazione che sta alla base della gestione di un’azienda.

Tutt’oggi non esiste ambito economico dove non sia necessario programmare ed andare a verificare i risultati a posteriori.

Dotarsi di un budget aziendale, diventa uno strumento strategico fondamentale per programmare i periodi futuri con un grado di attendibilità che varia a seconda dell’oggettività di chi stima e del settore di appartenenza.

E’ importante sottolineare che un’azienda che è in possesso di un buon strumento di controllo di gestione, può avvalersi di dati messi a disposizione dalla contabilità analitica per assolvere al compito della definizione degli importi da inserire nei prospetti di budgetting.

L’utilizzo di tali strumenti diventa importante nel valutare il punto di vista economico e finanziario . Ciò ci permette di misurare i flussi che vengono generati dall’attività aziendale ed avere un quadro di insieme della situazione attuale e della sua evoluzione nel corso del tempo. Quindi non solo programmazione e stima, ma anche analisi e controllo.

Non bisogna infatti dimenticare, che l’aspetto finanziario è tutt’oggi di fondamentale importanza soprattutto per le PMI. Avendo la possibilità di aggiornare e monitorare nel tempo i flussi finanziari generati dalla gestione operativa, l’azienda è in grado di controllare nel tempo gli obiettivi finanziari stabiliti in sede di budgeting; ed evitare situazioni di disequilibrio finanziario con apposite azioni incasso e pagamento.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net