VARI TIPI DI STRUTTURA A MATRICE

I VARI TIPI DI STRUTTURA ORGANIZZATIVA DONOMINATI "A MATRICE"

di Carmine Giampietro
Aggiornato al 29.03.2011

S.M. Davis e P.R. Lawerence affermano che un’organizzazione è matricole quando si impiega un sistema di comando multiplo al quale devono essere associati sistemi operativi articolati lungo le diverse dimensioni, nonché una determinata cultura e un particolare tipo di comportamento.


Sempre secondo gli stessi autori la struttura a matrice si può presentare sotto vari tipi:

  • la matrice temporanea;
  • la matrice permanente;
  • la matrice matura.


MATRICE TEMPORANEA

La matrice temporanea rappresenta la prima forma di evoluzione rispetto alle strutture organizzative classiche. Essa si presenta normalmente come una matrice nella quale i due criteri di divisione del lavoro direttivo sono quello funzionale e quello per progetto.

Il project manager è la figura a cui spetta il compito di portare a buon fine il progetto o la commessa sotto l’aspetto tecnico, quello dei tempi e della economicità.

Poiché i progetti hanno una durata limitata nel tempo il project manager rappresenta una figura temporanea: da qui il nome della matrice. E’ evidente, però, che l’organizzazione a matrice rimane stabilmente perché, di volta in volta, ai progetti portati a termine se ne sostituiranno di nuovi.


MATRICE PERMANENTE

La matrice permanente è quella nella quale i due criteri di divisione del lavoro direttivo sono quello funzionale e quello per prodotto.

Il product manager è la figura a cui spetta il compito di seguire un determinato prodotto o una linea di prodotti.

Poiché i prodotti realizzati dall’azienda sono permanenti, salvo casi del tutto particolari legati all’abbandono di alcuni prodotti o al lancio di altri, la matrice si dice permanente.

Questa struttura organizzativa è particolarmente indicata nel caso di aziende che operano nel settore dei prodotti di consumo qualora si vuole evitare che il product manager abbia la piena disponibilità delle risorse funzionali necessarie, cosa che si verificherebbe nel caso di una struttura multidivisionale.


MATRICE MATURA

La matrice matura non si differenzia dalle altre per un diverso criterio di divisione del lavoro direttivo, bensì perché l’autorità è condivisa tra due manager che dispongono così di un potere equiparato con la conseguenza che la dipendenza dei membri dell’organizzazione da due capi diversi finisce con l’avere una maggiore importanza rispetto ai due tipi di struttura a matrice visti in precedenza.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net