www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 
   

 

Gli altri approfondimenti:

Programma per la comunicazione degli elenchi clienti e fornitori


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
  Elenco clienti e fornitori - tutto quello che c'è da sapere

 

 

 
Approfondimento del 14.09.2007

 

(Nota. Il DL 112/2008 ha abolito, a partire dal periodo d'imposta 2008 l'obbligo di compilare gli elenchi clienti e fornitori.

Il DL 78/2010 ha introdotto lo spesometro. A partire dal 01.01.2019 sarà abolito anche lo spesometro).

 

 

L’art.37, comma 8, del Dl 223/2006 (convertito dalla L.248/2006) ha reintrodotto l’obbligo di presentazione degli elenchi clienti e fornitori.

La legge n.127/2007 ha previsto delle semplificazioni in merito.

Di seguito si riportano le caratteristiche salienti del nuovo adempimento e le semplificazioni previste per la prima applicazione di tale obbligo.

 

 

Previsione normativa:

L’art.37, comma 8, del DL 223/2006 ha previsto l’obbligo di presentare:

  • l’elenco dei soggetti nei cui confronti sono state emesse fatture nell’anno (elenco clienti)

  • l’elenco dei soggetti, titolari di partita IVA, da cui sono effettuati acquisti rilevanti ai fini dell’applicazione dell’imposta (elenco fornitori).

 

Soggetti obbligati:

L’obbligo di presentazione degli elenchi clienti e fornitori riguarda tutti i titolari di partita IVA compresi i soggetti che non hanno l’obbligo di presentare la comunicazione annuale dati IVA.

 

Nei casi di fusione, incorporazione, e altre operazioni straordinarie l’obbligo di presentazione degli elenchi clienti e fornitori  ricade in capo alla società fusa o incorporata, scissa o trasformata.

 

Limitatamente all’anno di imposta 2006 sono esonerati dall’obbligo di presentare gli elenchi:

 

  • le imprese in regime di contabilità semplificata;

  • gli esercenti arti e professioni;

  • i soggetti iscritti nei registri nazionali, regionali e provinciali istituiti ai sensi della legge 383/2000 (associazioni di promozione sociale) e della legge 266/1992 (associazioni di volontariato)  e quelli iscritti nelle anagrafe delle onlus.

Termine di presentazione:

Gli elenchi devono essere presentati esclusivamente per via telematica, entro il 60° giorno successivo alla scadenza del termine per la presentazione della comunicazione annuale dati IVA. La scadenza del termine, dunque, è il 29 aprile.

 

Per quanto concerne la trasmissione degli elenchi relativi al 2006 il termine è il 15 ottobre 2007. Tale termine è differito al 15 novembre 2007 per i contribuenti che, nel 2006, hanno realizzato un volume d’affari non superiore ai limiti previsti per le liquidazioni trimestrali dell’IVA, ovvero:

·    

  • 309.874,14 euro nel caso di imprese di servizi ed esercenti arti e professioni;

  • 516.456,90 euro negli altri casi.

Dati da indicare:

Negli elenchi dovranno essere riportate le seguenti informazioni:

  • codice fiscale e partita IVA del soggetto

  • anno di riferimento;

  • codice fiscale del soggetto nei cui confronti sono state emesse fatture nell’anno di riferimento. In caso di cointestazione della fattura devono essere indicati tutti i soggetti;

  • eventuale partita IVA del cliente;

  • codice fiscale e partita IVA di ciascun soggetto da cui sono stati effettuati acquisti rilevanti ai fini IVA;

  • per ciascun cliente o fornitori, l’importo complessivo delle operazioni effettuate nell’anno, distinto tra imponibili, non imponibili ed esenti, al netto delle relative note di variazione che si riferiscono all’operazione stessa e l’importo dell’imposta afferente;

  • per ciascun soggetto e per ciascuna tipologia di operazione, l’eventuale importo complessivo delle note di variazione e dell’eventuale imposta afferente, relativa alle annualità precedenti.

L’anno cui occorre fare riferimento è quello della fattura o della nota di variazione e non quello della sua registrazione.

 

Per gli elenchi relativi al 2006:

  • gli elenchi clienti non devono comprendere i soggetti non titolari di partita IVA;

  • è sufficiente indicare il numero di partita IVA dei clienti o dei fornitori e non si rende necessaria l’indicazione del codice fiscale.

Inoltre non vanno indicati i seguenti documenti:

  • fatture, emesse e ricevute, di importo inferiore a 154,94 euro registrate cumulativamente;

  • fatture emesse e ricevute, per le quali non è prevista la registrazione IVA;

  • fatture registrate cumulativamente nel registro dei corrispettivi;

  • le note di variazione relative ad operazioni di anni precedenti.

  

Operazioni da non indicare:

Non devono essere indicati negli elenchi le seguenti operazioni:

·        

  • cessioni e acquisti intracomunitari di beni e servizi;

  • importazioni;

  • esportazioni di cui all’art.8 del comma 1 lettera a) e b) del Dpr 633/72.

Sanzioni

In caso di violazioni in materia di elenchi clienti e fornitori, quali omissione, inesattezze, incompletezza, si applica una sanzione da 258 a 2.065 euro.

 

E’ possibile ricorrere al ravvedimento operoso.

 

 

 
 

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Spesometro 2013


Visualizza gli altri approfondimenti   

 

   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681