www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 
   

 

Gli altri approfondimenti:

 


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
 

Avviamento - sua esposizione in bilancio

 

 

 
 
 
Approfondimento del 14.02.2009

 

Con il termine di avviamento si intende l’attitudine di un’impresa a produrre utili in misura superiore rispetto a quella ordinaria. L’avviamento è rappresentato da una serie di qualità positive che l’azienda, già operante sul mercato, ha rispetto alle aziende di nuova costituzione, come un’organizzazione già collaudata, del personale già selezionato ed esperto, una clientela già acquisita, stabili rapporti con fornitori e finanziatori, e così via.

L’avviamento va indicato in bilancio solamente nel caso di acquisto a titolo oneroso.

 

L’avviamento deve essere esposto in bilancio tra le immobilizzazioni immateriali alla voce 5).

 

L’art.2426 comma 1 punto 6 consente l’iscrizione dell’avviamento nell’attivo dello Stato patrimoniale solamente a due condizioni:

si deve trattare di avviamento acquistato a titolo oneroso;

nelle società in cui esiste il collegio sindacale, la capitalizzazione dell’avviamento può avvenire solo con il consenso di tale organo.

L’avviamento può essere iscritto in bilancio solamente se si prevede che esso abbia un’utilità futura. Per questa ragione, tenuto conto anche delle difficoltà di operare tale valutazione, il legislatore ha stabilito la necessità, affinché possa essere operata la capitalizzazione, del consenso dell’organo di controllo, nei casi in cui esso esiste.

 

L’iscrizione dell’avviamento nell’attivo dello Stato patrimoniale, quando ne ricorrano i presupposti, costituisce un obbligo per i redattori del bilancio e non un facoltà. Essi, dunque, non possono iscrivere l’avviamento in un’unica soluzione come costo dell’esercizio nel Conto economico se sussistono i requisiti per la sua capitalizzazione.

 

Lo schema di bilancio previsto dagli IAS impone di indicare l’avviamento tra le attività non correnti alla voce “avviamento e attività immateriali a vita non definita”.  L’avviamento (goodwill) è ricompreso dai principi contabili internazionali tra i beni a vita non definita.

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Avviamento: Codice civile e TUIR a confronto

Avviamento - cosa iscrivere a questa voce

Avviamento- valore da iscrivere in bilancio e calcolo quote ammortamento

Ammortamento avviamento

Avviamento - tavola riassuntiva

Ammortamento beni immateriali

Ammortamento avviamento 2016

Rettifiche di valore dell'avviamento

Vita utile dell'avviamento


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681