Vai alla home page Scrivici una e-mail Chi sono Collabora col sito
       
Ricerca personalizzata

 

Iscriviti alla newsletter


Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a qualunque argomento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookies.

 

Visualizza i nostri approfondimenti  
Accedi ai nostri corsi gratuiti  
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping  

 

I nostri ebook

I nostri ebook

 

 
Siti partner:  

 
   
www.SchedeDiGeografia.net  
 
 
www.StoriaFacile.net - Per studiare la storia con facilità  
 
 
Utilità  
   
 

 

 
 
 
 
 
 

 
 

 

 

   

 

Gli altri approfondimenti:


Approfondimenti

 
   
  Scorporo IVA - come va effettuato lo scorporo dell'IVA

 

 

 
 
 
Approfondimento del 11.07.2008

 

NB: Per una corretta applicazione dello scorporo dell'IVA si veda anche Scorporo dell'IVA.

 

I commercianti al minuto e coloro che effettuano prestazioni di servizi ai privati, stabiliscono i prezzi comprensivi di IVA.

 

Per poter determinare l’IVA incorporata nel prezzo di vendita, le norme in materia di IVA, ammettono due metodi diversi.

 

 

 

  1. PRIMO METODO PER LO SCORPORO DELL’IVA

 

Il primo metodo per lo scorporo dell’IVA è il seguente:

si prende il prezzo comprensivo di IVA e si applica una delle seguenti percentuali, a seconda dell’aliquota IVA applicata:

 

ALIQUOTA IVA

PERCENTUALE DA APPLICARE

4%

3,85%

10%

9,10%

20%

16,65%

 

Esempio: prezzo di vendita del bene 12 euro. Aliquota IVA 20%

 

12 x 16,65% = 1,998

 

Calcolare l’imponibile diminuendo il prezzo comprensivo di IVA del valore così ottenuto.

Imponibile: 12 – 1,998 = 10,002

 

L’IVA si ottiene moltiplicando l’imponibile per la relativa aliquota.

IVA = 10,002 x 20% = 2,0004

 

  1. SECONDO METODO PER LO SCORPORO DELL’IVA

 

Il secondo metodo per lo scorporo dell’IVA è il seguente:

si prende il prezzo comprensivo di IVA e lo si divide per uno dei seguenti coefficienti, a seconda dell’aliquota IVA applicata:

 

ALIQUOTA IVA

COEFFICIENTE DA APPLICARE

4%

1,04

10%

1,10

20%

1,20

 

Esempio: prezzo di vendita del bene 12 euro. Aliquota IVA 20%

 

12 : 1,20 = 10

 

Si arrotonda il valore ottenuto all’unità più prossima, per eccesso o per difetto. Il valore così ottenuto rappresenta l’imponibile.

 

L’IVA si ottiene moltiplicando l’imponibile per la relativa aliquota.

IVA = 10 x 20% = 2

 

L’uso dell’uno o dell’altro metodo può portare a dei risultati leggermente diversi, ma entrambi i metodi sono consentiti per legge.

 
   

 

 

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Scorporo dell'IVA


 

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

Problemi con la matematica?


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 01685640680

___

Siti amici